Tag Archives: George Frideric Handel

drinking is one of life’s pleasures (Handel) … I second that

 

 

 

 

 

Bacchus, ever fair and young,
Drinking joys did first ordain;
Bacchus’ blessings are a treasure,
Drinking is the soldier’s pleasure:
Rich the treasure,
Sweet the pleasure,
Sweet is pleasure after pain.
CHORUS
Bacchus’ blessings are a treasure,
Drinking is the soldier’s pleasure:
Rich the treasure,
Sweet the pleasure,
Sweet is pleasure after pain.
— Handel, Alexander’s Feast (1736; the libretto of this choral work is based on an ode by Dryden)

 

 

*****************************************************

 

 

 

 

DRUNKEN POET:
Fill up the Bowl, then, &c.

1ST FAIRY, CHORUS :
Trip it, trip it in a Ring;
Around this Mortal Dance, and Sing.

POET:
Enough, enough,
We must play at Blind Man’s Bluff.
Turn me round, and stand away,
I’ll catch whom I may.

1ST FAIRY, CHORUS:
About him go, so, so, so,
Pinch the Wretch, from Top to Toe;
Pinch him forty, forty times,
Pinch till he confess his Crimes.

POET:
Hold you damn’d tormenting Punk,
I do confess ?

BOTH FAIRIES:
What, what, &c.

POET:
I’m Drunk, as I live Boys, Drunk.

BOTH FAIRIES:
What art thou, speak?

POET:
If you will know it,
I am a scurvy Poet.

CHORUS:
Pinch him, pinch him for his Crimes,
His Nonsense, and his Dogrel Rhymes.

POET:
Hold! Oh! Oh! Oh!

BOTH FAIRIES:
Confess more, more.

POET:
I confess, I’m very poor.
Nay prithee do not pinch me so,
Good dear Devil, let me go;
And as I hope to wear the Bays,
I’ll write a Sonnet in thy Praise.

CHORUS:
Drive ‘em hence, away, away
Let ‘em sleep till break of Day.

 

 

— Purcell, “The Fairy-Queen” (1692; this masque — aka semi-opera — is a musical setting of Shakespeare’s A Midsummer Night’s Dream)

 

 

— posted by Roger W. Smith

   February 2019

Handel’s “Samson”

 

 

Overture

 

 

 

 

ACT THREE, Scene 3

84. Solo and Chorus (“Glorious hero”)

 

 

 

 

 

Israelites
Glorious hero, may thy grave
Peace and honour ever have,
After all thy pains and woes,
Rest etemal, sweet repose!

 

 

ACT ONE, Scene 2

12. Air (“Total eclipse!”)

 

 

 

Samson

Total eclipse! No sun, no moon!
All dark amidst the blaze of noon!
Oh, glorious light! No cheering ray
To glad my eyes with welcome day!
Why thus depriv’d Thy prime decree?
Sun, moon, and stars are dark to me!

 

 

For the complete oratorio, see

https://rogersgleanings.com/2016/01/21/handel-samson/

 

 

 

*****************************************************

 

 

I have been listening to some music today, mostly Handel, including a bit of “Samson,” an oratorio.

Handel composed “Samson” right after “Messiah.” He wrote “Messiah” in 24 days! He wrote “Samson” in about a month!

The libretto of “Samson” was based on John Milton’s “Samson Agonistes.”

It is my opinion – perhaps a minority one – that “Samson” is just about equal to “Messiah,” if not in fact equal.

It evokes such an emotional response. Raises goose bumps.

Listen to “Glorious Hero,” for example.

My mother majored in Fine Arts at Radcliffe College. She had quite a few art books from her college days that my siblings and I used to peruse.

There was a reproduction of a painting in one of her art books: “Samson and the Philistines” by Carl Heinrich Bloch, which was painted in Rome in 1863. It made such an impression on me. The painting shows Samson, in captivity, grinding grain on a treadmill. I couldn’t stop looking at it.

So did the Biblical story of Samson itself, which I knew from Sunday school.

 

 

— Roger  W. Smith

     May 4, 2016

 

 

 

 

'Samson and the Philistines'.JPG

Handel, “Sosarme, re di Media”

 

 

 

 

an aria from Sosarme

Altomaro: “Fra l’ombre e gl’orrori”

 

 

 

*****************************************************

 

 

 

a duet from Sosarme

“Per le porte del tormento” (Sosarme ed Elmira)

 

Per le porte del tormento passan l’anime a gioir.

Sta ‘l contento del cordoglio sul confine,

Non v’è rosa senza spine

né piacer senza martir. Per le porte, etc.

 

 

 

*****************************************************

 

 

 

 

an aria from Act Two, Scene 9

Aria di Sosarme

Alle sfere della gloria alza i vanni un nobil cor;

Pugna, suda e alla vittoria Gli è sol stimolo l’onor.

Alle sfere, etc.

 

 

*****************************************************

 

 

 

 

Act Two, Scene Thirteen

Aria di Sosarme

In mille dolci modi al sen ti stringerò.
Rinnoverò quei nodi
che amor in noi formò,
e del tuo bella lode ogn’or celebrerò.

 

 

*****************************************************

 

 

 

Handel wrote breath-stopping arias. An endless stream of gorgeous music.

So why do people think of him as the composer of one great work, Messiah?

What about Samson? See my post:

Handel’s “Samson”

 

https://rogersgleanings.com/2016/05/04/handels-samson/

 

What about Handel’s pastoral ode L’Allegro, il Penseroso ed il Moderato, a setting of John Milton’s “l’Allegro ed il Pensero”?

 

https://rogersgleanings.com/2016/01/21/handel-lallegro-ed-il-pensero/

 

 

 

*****************************************************
Posted here (below) is a recording of Sosarme, re di Media.

Sosarme was one of Handel’s Italian operas; it was composed in 1732.

It was a success at that time, but for years was neglected.

I discovered it almost by accident in the 1970’s on a rare LP.

I have become addicted to it. It is full of gorgeous music.

 

 

*****************************************************

 

 

Note that the l’Oiseau Lyre recording mentioned above is the one posted here.

Sosarme by George Frideric Handel

The Saint Anthony Singers; The Saint Cecilia Orchestra; Anthony Lewis, conductor.

Date of Recording: 1954

Language: Italian
Sosarme – Alfred Deller (counter-tenor)

Haliate – William Herbert (tenor)

Erenice – Nancy Evans (soprano)

Elmira – Margaret Ritchie (soprano)

Argone – John Kentish (tenor)

Melo – Helen Watts (contralto)

Altomaro – Ian Wallace (bass-baritone)
*****************************************************

 

 

Sosarme is something of a problem child. No one would rank it among the greatest of Handel’s operas, which are landmarks in the history of the art. It has had an indifferent press from historians and scholars. [Charles] Burney, it is true, ranked it among Handel’s ‘most pleasing theatrical compositions’, but he judged by standards that satisfy few critics today, assessing each opera as a string of arias written for particular singers rather than a musical drama based on the conflict of character and emotion. To [Richard Alexander] Streatfeild Sosarme was ‘another of Handel’s less important operas’, to [Edward J.] Dent another unsatisfactory opera’.

Between Handel’s only revival in 1734 [of Sosarme] and Alan Kuching’s Abingdon production in September 1970 it was never performed in the theatre despite the widespread enthusiasm that has resurrected all but one of Handel’s thirty-nine surviving operas, many of them repeatedly, on modern stages. Yet it was one of the first to be broadcast by the BBC and made available on the gramophone (Oiseau Lyre, 1955, conducted by Anthony Lewis), and the first in which the voices (with one minor exception) were recorded at their original pitch. Most people who know the score or the recording would probably agree that it is full of magnificent music, whatever their reservations about the libretto.” [italics added]

 

— Winton Dean, “Handel’s Sosarme: A Puzzle Opera,” in Winton Dean, Essays on Opera (Oxford University Press, 1990)

 

 

— Roger W. Smith

   February 2019

 

 

*****************************************************

 

 

SOSARME (complete)

 

 

 

 

 

 

*****************************************************

 

 

 

LIBRETTO

 

 

Sosarme, Re di Media

Musica di George Frederich Handel

Personaggi

Sosarme, Re di Media, contralto Haliate , Re di Lidia, tenore Erenice, sposa di Haliate, Alto

Elmira, figlia di Haliate, promessa sposa di Sosarme, soprano

Argone, figlio di Haliate, alto Melo, figlio illegittimo di Haliate, alto Altomaro, consigliere di Haliate, basso

 

 

Ouverture

Atto Primo

Scena prima
Piazza di sardi con squadre schierate.

Recitativo
Argone
Di mio padre al furore, all’assedio, agli assalti, Sardi
egl’è ver ancor resiste altera.
Ma che mi giova un sì glorioso ardire? Manca al popolo il vitto,
e già la fame dispiega i suoi trofei; che deggio far?
Mi consigliate, oh Dei!
(Si volge verso le guardie)

Accompagnato Argone
Voi miei fidi compagni
ora mirate l’orrido mostro della fame;
ei viene con fauci splancate a divorarne, qual riparo opporremo a nostro scampo; ma con luci serene, mirate poi,
fuor delle nostre mura un abbondante campo,
corriamo,
e forti eroi sortiamo armati ad attaccarlo e pronti portiam strage, furore,
tutto sorpresa, orrore, confusion, terrore.

Coro Militare
Alla strage, alla morte! alla vittoria!
pronti siam tutti
a secondar tua gloria. Alla strage, alla morte!

Scena seconda Camera.
Erenice ed Elmira

Recitativo Elmira
Madre e Regina.

Erenice
Elmira.

Elmira
E tanta fede merta aver dal tuo core un sogno?

Erenice
Ah! figlia, parla,
il Cielo tra l’ombre e al Ciel si crede.
Elmira
Narra il sogno, oh Signora!

Erenice
Odi, il periglio di quest’orrida guerra Tra ‘l genitore e figlio
è scandalo del Cielo e della terra; la scorsa notte,
allo spuntar del giorno, stanchi di lagrimare
io chiudo i lumi, quando Hecate la Diva vidi spuntar dal Cielo
e tosto affisse in me le belle luci, e così disse:

Aria di Erenice Rasserena Erenice il mesto ciglio,
oggi de’ tuoi terminerà lo sdegno,
ma col sangue real
sparso dal figlio avrà fine la guerra, e pace il regno.

Elmira
S’è l’oracolo del Cielo,
e che si teme mentre t’esorta a serenare il ciglio?

Erenice
E qual ragion di speme
se minaccia la morte dal padre al figlio?

Elmira
Sì, ma pur non soggiace alcun di loro
a tal periglio.
Argone chiuso è qui in Sardi, ed Haliate in campo,
seco pur è Sosarme.

Erenice
Oh Dei!
Che questa speranza
ancora all’alma mia sol resta.

Aria di Elmira
Rendi ‘l sereno al ciglio, madre, non pianger più,
no, madre non pianger più! Temer d’alcun periglio Oggi come puoi tu, madre. Rendi ‘l sereno, etc.

Scena Terza
Erenice, e poi Elmira.

Recitativo Erenice
Giusti Numi, conforto in tante amate pene!

Elmira
Ah cara madre, vieni, prega, minaccia.

Erenice
Oh Dei! Che fia?
Elmira (Recitativo versione A)
Mi scoppia il cor nel dirlo. Argone l’arme risoluto prepara per sortire di Sardi.
(si vada a scena quarta)

Elmira (Recitativo versione B)
Mi scoppia il cor nel dirlo. Argone l’arme risoluto prepara per sortire di Sardi.

Erenice
Oh Ciel, che sento!
Che orrore, che spavento! Elmira, oh Dio!
Vedi ch’è troppo vero il sogno mio. Ma l’empio consigliere chi fu?

Elmira Disperazione. Io ti precedeo,
e tenterò, coi prieghi,
con lagrime, e sospiri calmar cor sdegnato
secondi ‘l mio disegno amico fato.
(Parte)

Scena Quarta Erenice sola

Recitativo Erenice
Così un figlio ribelle calpesta l’alta legge di natura,
del cielo e delle genti?
Ma, o questi occhi dolenti cangeranno d’Argone il reo consiglio, o che prima del padre,
ha da svenar la madre il crudo figlio.

Aria di Erenice
Forte inciampo al suo furore pria che giunga al genitore questo petto gli sarà.
Oh il suo sdegno estinto Langue nel pianto
O dal mio sangue Incominci l’empietà. Forte inciampo, etc.

Scena Quinta Campagna Tendata. Altomaro, e Melo

Recitativo Altomaro
Melo, mio prence,
soffri ch’io nipote t’appelli:
è ver che vanti Haliate per padre, ma Anagilda a me figlia
a te fu madre.

Melo
Altomaro, il tuo affetto più caro mi sarà,
se sia più giusto,
a che mai più t’intenda, invitarmi sul trono.

Altomaro
E’ ‘l solo modo per illustrar il tuo natale oscuro;
Haliate ti dichiara suo legittimo erede, Argone esclude.
Mantien discord’ il genitore e ‘l figlio; segui per tuo vantaggio il mio consiglio.
Melo
Scellerato disegno!

Altomaro
Io vo’ condurti al soglio.

Melo
Con scellerata azione, io non lo voglio dall’empietà non cerco la mia grandezza.

Altomaro
Addio, principe scrupoloso, a tuo dispetto,
ti condurrà sul trono il zelo mio.

Aria di Altomaro Fra l’ombre e gl’orrori farfalla confusa
già spenta la face non sa mai goder. Così fra timori tua mente delusa
non speri mai pace nè speri piacer.
Fra l’ombre, etc.

Scena Sesta
Melo, Sosarme con seguito.

Recitativo Sosarme
Come più dell’usato,
o Prence, io ti ritrovo pensieroso, e turbato.
Qual sciagura di novo…?

Melo
Signor,
e qual peggiore sciagura avvenir può della presente?
Se l’odio arma ambo il figlio e ‘l genitore.

Sosarme
Ma qual ardir d’un figlio,
qual perfidia d’un popolo ribelle negare al proprio padre,
al suo regnante
nella Reggia l’ingresso?

Melo
E questi,
e quello merta pietà, perdono; la giustizia arma il popolo,
ed Argone s’arma per sostener
il diritto al trono.

Sosarme
Ma, se volesse il Cielo premiar la tua virtù, Melo col soglio.

Melo
Cotanto ingiusto,
il Ciel creder non voglio.

Sosarme
Melo, Melo!
più degno sei di regnar quanto più sprezzi un regno.
Adesso io me consiglio colà in Sardi passar trattar col figlio;
e se nulla otterrò
son certo almeno di bear
il mio cor vedendo Elmira..

Melo
Gran Re, a tua giusta impresa il Ciel arrida.

Aria di Melo
Sì, Sì, minaccia,
e vinta l’ira in sì gran periglio al padre unisci il figlio
con laccio più fedel. D’empia messera estinta Per te l’indegna face
Un bel seren di pace Ritorni a questo ciel. Sì, Sì, minaccia, etc.

Scena Settima Sosarme, ed Haliate.

Il cessar dagli assali, non è , Sosarme, nò,
vil contrassegno di mancanza di sdegno. Questo breve riposo,
diedi al furor,
per meditar le forme d’un castigo il più enorme che inventasser giammai sdegni reali.

Sosarme
Haliate, sono anch’essi, i Re Mortali.
Sol li distingue la pietà, il perdono.

Haliate
Pietà fa bello,
e non sicuro il trono.

Sosarme
Più sicuro il farà Forse la crudeltà?

Haliate
Di là giustizia…

Sosarme
Giustizia?
E quando, e come s’usurpò L’ira tua così bel nome?

Haliate
Punir la fellonia chiami furore?

Sosarme
Sostener la giustizia è fellonia?

Haliate
E’ giustizia negare al suo signore Obbedienza e rispetto?

Sosarme
Adunque fia marca di poca fede Sostener le ragioni,
del legittimo erede?

E’ ancor vivente il proprio genitore. Re si dichiara un figlio.

Sosarme
E al successore si toglie una corona, ch’e il retaggio degli Avi,
e la natura, e ‘l merto, e ‘l Ciel gli dona?

Haliate
Non più contese,
io voglio le mie ragioni esercitar coll’armi,
il temerario orgoglio vo’ punir de’ ribelli e vendicarmi; nei sangue dei felloni nuoti pur l’ira mia,
nè a sesso, a sangue, nè ad innocenza, o ad età non si perdoni.

Sosarme
Haliate,
del tuo sdegno sinistra non sarà la mia giustizia se conti fra ribelli Elmira
sposa mia, non più tua figlia; conta ancor me tra quelli; non più genero tuo,
ma tuo nemico. Sosterrò la tua gloria s’ami perdon;
ma se vendetta vuoi,
s’opporrà questo petto ai furor tuoi.

Aria di Sosarme
Il mio valore Ch’alberga in petto
Al tuo furore argin sarà.
E’ gran delitto di nobil alma, l’ave rla palma su crudeltà. Il mio valore, etc.

Scena Ottava Haliate solo.

Recitativo Haliate
Così dunque sospiran a danni miei Né figlie, né amici,
la sorte è la natura. Ah! Regnanti infelici se provan congiurato
contro di lor il proprio sangue, e il fato.

Aria di Haliate
La turba adulatrice da me ritiri ‘l piè; basta che l’ira ultrice rimanga sol con me: vo’ vendicarmi.
Regnante vilipeso, gl’oltraggi soffrirò? Padre dal figlio offeso, l’orgoglio non saprò punir coll’armi?
La turba adulatrice , etc.

Scena Nona
Argone, armato con squadra di Ufficiali.

Recitativo Argone
Amici, troppo oscuro torpe il valor nascosto;
necessità ci spinge fuor delle mura a procurar dal campo al nome,
ed al bisogno, e fama, e scampo.

Scena Decima
Argone, Erenice, ed Emira.

Recitativo Argone
Su, miei prodi, alla gloria!
(Nel partire incontra Erenice, ed Elmira).

Erenice
Ferma, o figlio, ove vai?
qual sacrilego brando impugni, oh Dio! contro del genitor.

Elmira
Germano amato, per questo pianto mio,,.

Argone
Regina, Elmira, addio!

Erenice
Regina tu mi chiami, e non più madre?
Delle viscere mie parto più caro
Deponi quell’acciaro E l’ira assieme;
ti rendi indegno al trono
s’oggi furor ti guida,
la spada impugnar di parricida.

Argone
Ragione armò il miobraccio Per vendicar li tuoi, gl’oltraggi miei.

Elmira
Abbi orror dell’impresa.

Erenice
Pensa, che quello è padre, e figlio sei. Cedi per questo seno
Dove fosti prodotto,
e cedi al pianto avanzo di quel sangue
che la vita ti diè.

Argone
Corso è l’impegno
(Vuol partire)

Erenice
Ferma, inumano! Barbaro, mostro, ingrato, vanne a bever del padre il regio sangue,
ma pria t’arresta,
e della madre esangue
col sacrilego piede il sen calpesta.

Argone (Recitativo versione A)
(Ahi! qual’orror mi prende?)

Elmira
(Già sente il suo rimorso)

Erenice
Sostienne pur l’impegno
Disprezza il tuo rimorso Il mio cordoglio
Premi calpesta sì…

Argone
(Mi scoppia il core)

Elmira
Par che desti pietade il suo dolore.

Argone (Recitativo versione B)
Ahi, quall’orror mi prende?)

Elmira
(Già sente il suo rimorso)

Coro militare
Alla strage, alla morte! alla vittoria!
pronti siam tutti
a secondar tua gloria. Alla strage, alla morte!

Recitativo Argone
Ma chi ritorna in vita
I miei spirti smarriti? Che sveglia il mio furor? Fidi compagni miei
A voi ne volo. Addio, Regina. Impegno, vuol ch’oggi mi procuri, o morte
(Corre via)
o regno.

Erenice
Ah! Ferma, o figlio, o sorte Madre infelice,
ah! Misero consorte.

Aria di Erenice
Due parti del core
tra ‘l figlio e ‘l consorte
Natura ed amore nel petto mi fa; Chi dunque la palma
Ottien di più forte Gran parte dell’alma Costar mi dovrà.
Due parti, etc.

Scena Undicesima Elmira sola.

Recitativo Elmira
Oh Diva Hecate,
sian d’effetto vuoti i tuoi presagi,
e fa ch’il regio sangue
non rechi funesta a noi la pace fia tua gloria maggior
l’esser mendace.

Aria di Elmira
Dite pace,
e fulminate, crudi Cieli!
Or che farete quando guerra A noi direte, Crudi cieli!
Che sarà se vi sdegnate, stelle fiere, se placate così rigide voi siete.
Dite pace, etc.
Atto secondo

Scena Prima Sala regia.

Larghetto di Elmira Padre, germano, e sposo Di voi chi vincerà
Dagli occhi mi terrà un pianto amaro!

Scena Seconda Elmira, ed Erenice.

Recitativo Erenice
Ebben dall’alta torre, che scorgesti, oh figlia?

Elmira
Primiero alla sortita
vidi opporsi Sosarme e i suoi guerrieri, indi la polve e ‘l fumo
confusero i miei sguardi,
ed a qual parte pendesse la vittoria discerner non potei nel dubbio marte.

Erenice
Oh Ciel? che infausta gloria porterà il vincitor….
Sinfonia con Trombe Oboi ed Archi Recitativo
Erenice
Ma, oh Dei!
ritorna il figlio trionfante!
Ah! con quai occhi Elmira rivedremo in Argone un parricida?

Scena Terza
Erenice, Elmira, Argone con spada nuda insaguinata, e seguito.

Recitativo Argone
Madre, germana…

Erenice
Pria che posi il piede in queste soglie,
dimmi, di qual sangue marchiato a noi ritorni?

Argone
E’ sangue regio questo di cui tinto è ‘l mio ferro.

Erenice, Elmira Vanne, mostro spietato, empio, funesto!

Argone
Ma, è sangue di Sosarme, ei sulla porta….

Erenice
Non più, taci, non più!

Elmira
Madre, son morta!
(viene in braccio d’Erenice)

Erenice
Figlia!
(ad Argone)
In un giorno solo sacrilego hai svena to tre congiunti,
un col ferro,
e due col duolo.

Argone
Primiero alla sortita, s’oppose…

Erenice
E tu, crudele, non rispetti una vita che per opra d’amore
della germana tua vive nel core?

Argone
Egli all’impeto nostro fu il primo…

Erenice
Taci!

Argone
Ah Madre…

Erenice
Taci;
ho vergogna aver per figlio un mostro!

Duetto Erenice e Argone Argone
Se m’ascolti.
Erenice
E udir potrei?
Argone
Ti dirò
Erenice
Direi che sei
un spietato, traditor.
Erenice Sì direi Argone
Dirò se m’odi
Erenice
Ch’hai spezzato i dolci nodi, e del sangue, e dell’amor Argone
Se m’ascolti, etc.
Erenice
E udir potei? Etc.

Scena Quarta Padiglione reale interno Haliate ed Altomaro

Recitativo Altomaro Mio re,
l’ultimo sforzo,
e disperato fu questo del tuo figlio.

Haliate
Però, sortì per lui
Sì fortunato ch’oggi a me converrà cangiar consiglio.

Scena Quinta
Melo con Ufficiali, e detti.

Recitativo Melo
Padre, Signor!

Haliate
Che fia?

Melo
Ecco tumultuante le Media ora richiede in libertà Sosarme,
a me ricusa obbedienza, e fede.

Altomaro
Opra è questa di Melo.
Haliate
Fu castigo, e non dono, il darmi irate stelle
due successori al trono. Empio l’uno, e ribelle m’oltraggia e mi deride;
e l’altro, oh Dei! s’oppone ai furor miei, perché l’ingrato vuol ch’io resti schernito, e invendicato.

Melo
Io goder de’ tuoi schemi?
e qual vendetta puoi più nobile inventar quanto il perdono?

Altomaro
Debellar i superbi è virtù regia…

Haliate
Taci! Ah! che l’amore fa cangiar di consiglio;
l’offeso son, ma l’offensor è un figlio. Altomar, vanne in Sardi.
Ah! il cor si sface!
offri pure ad Argone accordi e pace.

Aria di Haliate
Se discordia ci disciolse pace unirci oggi saprà. Nel nemico disarmato
Stringa il padre un figlio amato
E se l’ira me lo tolse, me lo renda la p ietà. Se discordia, etc.

Scena Sesta Altomaro, e Melo.

Recitativo Altomaro
E così tu disprezzi la tua propria grandezza?

Melo
Detestabil grandezza,
che si fonda sulle ruine altrui colla perfidia.
Altomaro
Bella perfidia,
se ti porta al regno: a tuo dispetto io vo’,

Melo
S’oppon mio zelo:
so che più dell’inferno ha forza il Cielo.

Aria di Melo
So ch’il Ciel ben spesso gode far cader l’indegna frode
su l’autor che l’inventò; Come s’alza orrido nembo,
poi si scioglie e cade in grembo di quel sol che lo formò.
So ch’il Ciel, etc.

Scena Settima Altomaro solo.

Recitativo Altomaro
Quanto più Melo ha sdegno, alla propria grandezza
io più m’invoglio di sollevano al soglio; e già mio genio e’ divenuto impegno.

Aria di Altomaro
Sento il cor che lieto gode di trovar sì bella frode
per chi ancor la disprezzò.
S’alzi pur orrido nembo di tempeste, core in grembo sosterrà ciò che formò. Sento il cor, etc.

Scena Ottava Fonderia Reale
Sosarme adagiato sopra un letto di riposo; Elmira che gli medica la ferita.

Recitativo Elmira
Grazie al Ceilo,
Signor lieve fu il danno E pur credetti, o pena! Ah sposo amato,
che da me ti togliesse, iniquo fato!

Sosarme
Nel vederti, oh mia cara! Io mi scordo ogni affanno
Ma di pietà fatto ministro amore
Sana la mano e più m’impiaga Il core.

Elmira
Con sì bella ferita, caro, mi dai la vita,
ma coll’altra che impresse il barbaro germano, oh Dei,
quest’alma già credendoti ucciso volea seguirti e alla novella rea rimasi esangue il volto,
e chiusi il ciglio.

Sosarme
E un sì lieve periglio
ha per mercè felicità sì rara?
Mie felici ferite se da beltà sì cara meritate esser piante e compatite.

Elmira
Un sì dolce contento, rivederti, oh sposo, al mio core amoroso
men costar non potea, che un svenimento.

Duetto
Sosarme ed Elmira
Per le porte del tormento passan l’anime a gioir.
Sta ‘l contento del cordoglio sul confine,
Non v’è rosa senza spine
né piacer senza martir. Per le porte, etc.

Scena Nona Erenice, e detti.

Recitativo Erenice
Signor, tuo regio sangue
di Bellona smorzò l’infausta face.
Sosarme
Come, Regina?

Erenice
Haliate spiega candida insegna, e messaggieri invia.

Elmira
Che fausto avviso!

Sosarme
Io la sventura mia sempre più benedico.

Erenice
S’oggi smorzasti l’ire, Prence, e col tuo periglio disponesti alla pace il genitore;
a terminarlo adesso induci ‘l figlio.

Elmira
Sposo, per quell’amor.

Sosarme
Deh taci, Elmira; dover, amor, giustizia, è sol mia guida,
prigionier volontario venni qui in Sardi a questo solo oggetto io fui
ch’alla sortita primier m’opposi, e mi sortì l’effetto.
Userò con Argone prieghi,
ragion, caute minaccie;
il Cielo assiste a giusta impresa.

Elmira, Erenice
Accompagnino i Numi il tuo gran zelo!
(Erenice e Elmira partono)

Aria di Sosarme
Alle sfere della gloria alza i vanni un nobil cor; Pugna, suda e alla vittoria Gli è sol stimolo l’onor. Alle sfere, etc.
Scena Decima
Camera d’udienza con trono Argone e Sosarme.

Recitativo Sosarme
Son tuo congiunto.

Argone
A me venisti armato.

Sosarme
Argone amato,
sappi che col tuo genitore
la tua ragione sempre sostenni, e sappi che la mia prigionia
è la sola cagione
ch’alla pace dispone il Re tuo padre ch’Altomaro, messaggiero a te t’invia, che vuoi più?
Lo gradisci?

Argone
Olà, che venga
(Un ufficiale va ad incontrar Altomaro)

Sosarme
La pace sdegnerai?

Argone
S’a me non toglie
ciò che mi diede la natura,
il cielo, la pace io non ricuso,
e pronto sono, piegarmi al padre, e dimandar perdono.
(In questo punto entrano Erenice ed Elmira)

Scena Undicesima
Erenice, ed Elmira, poi Altomaro.

Erenice
A queste voci, io riconosco il figlio.

Elmira
In questi accenti, il mio german ritrovo.

Sosarme
Con questi sensi il mio cognato
abbraccio…

Argone
Madre, Prince, sorella! Al sen v’allaccio.
(S’abbraccian, quando e ntra Altomaro) (ad Altomaro)
A noi dimmi,
che porti pace, oppur guerra?

Altomaro
E pace e guerra insieme.

Erenice
Come?

Argone
Ti spiega.

Altomaro
Haliate freme che de’ sudditi il sangue si sparga,
ed or gli piace a’ suoi cari vassalli offrir la pace, ma con te, suo figliuolo, brama l’alte contese terminare in duello, a solo, a solo.
(Argone resta sospeso)

Sosarme
Che sento!

Elmira
O Ciel, che orror!

Erenice
Questa è la pace?
No, che non è capace di tanta rabbia Il cor d’un padre
E puote Altomaro portar sì rea diffida?

Altomaro
Io servo il mio regnante…

Erenice
Anima infida questo è servir?

Altomaro
Argone, ei t’assicura
d’ogni insulto dai suoi;
sarà sua cura farti il campo allestir, tu scegli l’ora.

Argone
Non ammette dimora il mio coraggio ad accettar l’invito,
dì ch’il campo prepari,
e che fra poco ivi sarò.
E già che in lui sbandito è di padre l’affetto,
sbandirò anch’io di figlio ogni rispetto.
(Parte Argone da una parte, ed Altomaro dall’altra)

Scena Dodicesima
Erenice, Sosarme ed Elmira.

Recitativo Erenice
Oh Dei! pria che succeda
così enorme sciagura
il consorte real m’ascolti, e veda. A te invitto Sosarme,
mentre al campo m’invio, il figlio raccomando.

Sosarme
Vanne non dubitar opra, e confida.
T’assista il Ciel, Reina.

Elmira
Madre!

Elmira, Sosarme, Erenice Addio!

Aria di Erenice
Vado, vado al campo
a combatter col pianto,
col pianto l’ira insana d’un fier genitor.
Tu qui resta, ed opponi frattanto il tuo zelo d’un figlio al furor.
Vado, vado al campo, etc.

Scena Tredicesima Sosarme, ed Elmira.
Recitativo Elmira
Mio sposo, ahi qual orror,
mi scorre per le vene,
in qual periglio vedo il germano, e veggio il genitore.

Sosarme
Ti consola mio bene,
m’opporò al figlio irato non dubirar, lo renderò placato,
e poi con dolce calma ti stringerà quest’alma e in sospirata pace
splenderà d’Imeneo la bella face.

Aria di Sosarme In mille dolci modi al sen ti stringerò.
Rinnoverò quei nodi
che amor in noi formò,
e del tuo bella lode ogn’or celebrerò.

Scena Quattordicesima Elmira sola

Recitativo Elmira
Parmi ch’un dolce raggio
di bella speme ora rischiari l’alma. Sì ch’al fine la palma,
su quel core sdegnato,
riporterà la madre e ‘l sposo amato, ed il german, che l’ira or rende infido,
mosso dal sangue e da un filiale amore ritornerà qual augelletto al nido.

Aria di Elmira
Vola l’augello del caro nido, ma sempre fido a quel ritorna la cara sua per consolar.
La tigre ancora se mai s’accora, scorda fierezza
quando il suo sangue vuol riamar. Vola l’augello, etc.

Scena prima

Atto Terzo

Sobborghi di Sardi, con tende militari in lontananza Haliate, Melo ed Altomaro, con seguito.

Sinfonia

Recitativo Altomaro
Mi segue la Regina, aiuto, o frodi!

Haliate
Accetta il figlio il mio cortese invito?

Altomaro
Ah! Sire, inorridite, tacer io pur vorrei….

Haliate
Sdegna forse la pace?

Melo
(Oh! Cielo!)

Altomaro
Oh Dei!

Haliate
Da me sprezza l’indegno pace e perdon?

Altomaro
Non sol la pace ha a sdegno, ma oh! Dei! nol posso dir… barbara sorte!

Haliate
Che pretende di più?

Altomaro
Vuol la tua morte, desia l’alte contese,
decider teco in singolar duello.

Melo
Inorridisco!

Haliate
Ah! crudo mostro!
il sangue brama versar, ch’a lui la vita diede?

Altomaro
La tua crudel consorte
indusse il figlio a diffidarti morte.

Melo
Possibile?!

Haliate
Empia donna!

Altomaro
Ella qui viene con van pretesti a infastidir l’udito.

Haliate
Giudice troverammi, e non marito.

Scena Seconda Erenice e detti.

Recitativo Altomaro Ella giunge.

Erenice
Consorte…

Haliate
Olà? s’arresti
Erenice
Barbaro, e qual consiglio?…

Haliate
A te sia cura Melo di custodirla.

Erenice
Come? Ascolta….

Haliate
Vedrai nello steccato
O ‘l tuo consorte o ‘l figlio tuo svenato.

Aria di Haliate
S’io cadrò per tuo consiglio resti il figlio,
tuo rimorso e tuo spavento. S’ei cadrà trofeo di morte,
il consorte resterà per tuo tormento. S’io cadrò, etc.

Scena Terza
Erenice, Melo e guardie.

Recitativo Erenice
Melo, dov’e ‘l tuo zelo? La tua Virtù?
Per impedir l’eccesso d’enormità……

Melo
Pronto col sangue istesso, vorrei estinguer
del padre e del germano il reo furor. Ma pur se fu consiglio di te consorte insieme e genitrice,
che in singolar duello il padre e ‘l figlio…

Erenice
Mio consiglio ciò fu? Mente chi ‘l dice.
Mentre araldo di pace, Altomaro s’attende porta disfida.

Melo
(Ah traditor mendace!) Non più, Regina, intesi.
Alle mie tende questa squadra
(accenna alla guardie di servirla)
sommessa a te si guida: in mia virtù,
ma più nel Ciel confida.

Aria di Erenice
Cuor di madre e cuor di moglie, chi t’invola, chi ti toglie
la tua pace, la tua speme? Un reo figlio,
un reo consorte,
un amor ch’è troppo forte un amor che troppo teme! Cuor di madre, etc.

Scena Quarta Melo solo.

Recitativo Melo
A deluder le frodi, io mi preparo,
del perfido Altomaro, se Heliate consente
che in sua vece col germano
io combatta, getterò, il crudo acciaro ed al germano con i lacci più dolci
e i più tenaci, darò in vece di piaghe, amplessi e baci.

Aria di Melo Sincero affetto Dolci preghiere un cor sdegnato Puonno placar. Core nel petto
Mi dier le sfere di virtù Armato per trionfar.
Sincero affetto, etc.

Scena Quinta
Argone seguito da un ufficiale con due spade.

Recitativo Argone
Per la segreta porta del real giardino,
usciam nel campo. Sforzano il cuore,
a sostener l’impegno,
gran desio di vendetta e amor di regno.
(Mentre vuol partire, Elmira d’una parte, e Sosarme dall’altra lo trattengono).

Scena Sesta
Elmira, Sosarme ed Argone.

Elmira
E amor di figlio?

Argone
Un padre reo l’estinse.

Sosarme
E il rispetto?

Argone
Lo vinse l’altrui rabbia funesta. Addio.
(parte infuriato)

Sosarme
Ferma!

Elmira
T’arresta.

Scena Settima Sosarme, ed Elmira.

Recitativo Elmira
Fermati, ingrato!

Sosarme
Ah! mostro.

Elmira
Che faremo mio sposo?

Sosarme
Elmira,
in campo per quella stessa porta seguirà la sua rabbia il zelo mio.
Elmira
Va pur, caro; a momenti ti seguirò, e sarò teco anch’io.

Aria di Sosarme M’opporrò da generoso all’indegna orrida impresa, del furor la fiamma accesa
col mio sangue io vo’ smorzar. Tu ben datti riposo,
spera pur, serena il ciglio,
mostra il Cielo un gran periglio, ma vuol poi fulminar.
M’opporrò, etc.

Scena Ottava Elmira sola.

Recitativo Elmira
Correte pur a fiumi amare lacrime nel comune periglio. Ma no, d’un nobile core,
si risvegli l’ardore, corriam col nostro petto a far scudo;
al furor trionfi affetto.

Aria di Elmira
Vorrei, nè pur saprei
che la speme nel mio core discacciasse ogni timore,
Saprà chi goderà
viene il bene dopo il danno, non v’è gioia senz’affanno. Soffrir, e ancor languir, questi solo fanno avere condimento a ogni piacere. Vorrei, etc.

Scena Nona
Campo destinato per il duello.
Haliate, Altomaro con due spade, e Melo.

Recitativo Haliate Altomaro,
si renda libero lo steccato e de’ soldati miei
alcun non sia che d’opporsi
pretenda al furore d’Argone all’ira mia.

Altomaro
Tanto s’eseguirà,
me tuo padrino contro quello d’Argone ardito avrai, poi col nome di giusto, colla fama di forte,
qual campion pien di gloria ornato andrai.

Aria di Altomaro
Tiene Giove in mano il folgore gl’empi sol per fulminar.
A te diede ancor
il Cielo regio scettro
e questo il tuo figlio reo per castigar.
Tiene Giove, etc.

Scena Decima Haliate, e Melo.

Recitativo Melo
Ah Padre! eccoti al piede un figlio supplicante. (s’inginocchia)

Haliate
Io già te ‘l dissi, sorgi, non sarà ver che tu
‘l piacer m’usurpi d’una giusta vendetta. Parti, farla a me solo ora s’aspetta.

Scena Undicesima Altomaro con due spade.
Haliate, poi Argone con un ufficiale che porta due altre spade.

Recitativo Altomaro
Signor, qui giunge Argone.

Argone
Haliate, or vedi come…
Haliate
Perfido: per vergogna atterra il ciglio,
se sdegni proferir di padre il nome ora vedrai…

Altomaro
Lascia al più frale sesso contrastar
colla lingua, alma reale si difenda col ferro. Argone prendi!
(presenta la spada ad Argone, mente l’ufficiale ne presenta un’altra ad Haliate che si pone in guardia, e iniziano a tirar di spada)
Scena Dodicesima Recitativo
Melo
Oh padre!
(ad Haliate)

Erenice
(Ad Argone)
Ah! Figlio mio!

Haliate
Oh Melo!

Argone
Oh Madre!

Melo, Erenice, Argone, Haliate
Oh Dio!

Altomaro
(È scoperta la frode, io son spedito!)
(Fugge via, ed erenice passa dalla parte di Haliate, e Melo a quella di Argone) Erenice
Vedi quello è tuo sangue, e lo spargesti.

Melo
Quel sangue ti dié vita, e tu ‘l versasti.

Haliate
Incauta mano!
Argone
Disgraziato acciaro!
(Gettano via le spade, e restano sospesi)

Haliate
(ad Erenice)
Ma perché desti al figlio, sì barbaro consiglio?

Erenice
Come?

Haliate
Perdono, e pace.
allor ch’offro al fellon tu più l’irriti?

Melo
Padre, germano,
oh Ciel foste traditi.

Erenice
Altomaro,
in tuo nome portò disfida al figlio
e non perdono.

Haliate
Come disfida? Come?

Scena Ultima
Entrano Sosarme, Elmira e detti.

Elmira
Io fui presente.

Sosarme
Io testimone sono,
ma per prova maggiore,
in questo punto ricontrando Altomaro vicino al fiume torbido in volto
egli esclamò
vinceste Cieli perversi; or le mie inique frodi lavi quest’onda,
anzi ‘l mio sangue, e tratto il ferro,
se l’immerse nel seno,
e pien d’un berbaro desio, indi nell’acque
ci si lanciò e vi morì.

Argone (S’inginocchia) Mio Re!
Che padre ancor dirti non oso, eccoti al piede il reo,
ordina la mia pena io non ho core
da viver più nemico al genitore.

Haliate
Figlio, smorza ogni sdegno, il tuo bel pianto,
sorgi e ricevi intanto
in questo amplesso mio, pace, e perdono, e in questo bacio ogni ragione al trono.

Elmira
Si spezza il cor.

Sosarme
Piange per gio ia il ciglio.

Erenice
Oh mio consorte! oh figlio.

Duetto Elmira e Sosarme Elmira
Tu caro,
caro sei il dolce mio tesoro,
e sai perché? Tu caro, caro sei il dolce mio consorte, e sai perché?
Sosarme
Sì, sì, cara,
perché il mio ben t’adoro, sei la mia fe’. per gli affetti miei
estinguer mai potrei, e sai perché?
Elmira
Sì, sì, caro, perchè Il mio gran martiro fedel ti fe’.
Elmira e Sosarme
D’un alma amante
Fe’ più costante mai si vedè.
Elmira
T’abbraccio in questo seno
Sia eterno amore nel nostro core Per te.
Sosarme
Di gioia io vengo meno
Sia eterno amore nel nostro core Per te.
Elmira
Tu caro, etc.
Sosarme
Sì, sì, etc.

Recitativo Sosarme
Fugga da questo suol Per sempre alletto, ed alberghi pace
e amor d’ognuno in petto.

Coro
Dopo l’ire sì funeste, dell’amore splenda la face. Che le stelle più moleste Tra gli orror delle tempeste Fatte son iri di pace.
Dopo l’ire, etc.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Handel, “l’Allegro, il Penseroso ed il Moderato”

 

 

 

 

 

“As steals the morn upon the night”

by George Frideric Handel

from L’Allegro, il Penseroso ed il Moderato

Part the Third

 
Duet (soprano & tenor)

 

As steals the morn upon the night,
And melts the shades away:
So Truth does Fancy’s charm dissolve,
And rising Reason puts to flight
The fumes that did the mind involve,
Restoring intellectual day.

 

 

*****************************************************

 

 

From Wikipedia, the free encyclopedia

 

L’Allegro, il Penseroso ed il Moderato (“The Cheerful, the Thoughtful, and the Moderate Man”; HWV 55) is a pastoral ode by George Frideric Handel based on the poetry of John Milton.

Handel composed the work over the period of 19 January to 4 February 1740, and the work was premiered on 27 February 1740 at the Royal Theatre of Lincoln’s Inn Fields. At the urging of one of Handel’s librettists, Charles Jennens, Milton’s two poems, L’Allegro and il Penseroso, were arranged by James Harris, interleaving them to create dramatic tension between the personified characters of Milton’s poems (L’Allegro or the “Joyful man” and il Penseroso or the “Contemplative man”). The first two movements consist of this dramatic dialog between Milton’s poems. In an attempt to unite the two poems into a singular “moral design”, at Handel’s request, Jennens added a new poem, “il Moderato”, to create a third movement. The popular concluding aria and chorus, “As Steals the Morn” is adapted from Shakespeare’s Tempest, V.i.65–68.

 

 

*****************************************************

 

 

Handel, “l’Allegro ed il Pensero”

 

 

 

The third and final part of this pastoral ode by Handel, “il Moderato,” is missing from this excellent recording.

The lyrics, as noted above, are from a poem by Milton.

I could not hear this piece enough times after first encountering it. It was typically sublime Handel, yet also different from his other works, occupies its own place.

 

 

 

*****************************************************

 

 

Below I have added the music from the third section, “Il Moderato.”

 

 

 

 

 

 

 

*****************************************************

 

 

Libretto

 

 

 

PARTE PRIMA

1. Accompagnato

L’Allegro (tenor):

Hence loathed Melancholy
Of Cerberus, and blackest midnight born,
In Stygian cave forlorn
‘Mongst horrid shapes, and shrieks, and sights unholy,
Find out some uncouth cell,
Where brooding darkness spreads his jealous wings,
And the night-raven sings;
There under ebon shades, and low-brow’d rocks,
As ragged as thy locks,
In dark Cimmerian desert ever dwell.

2. Accompagnato

Il Penseroso (soprano):

Hence vain deluding joys,
Dwell in some idle brain,
And fancies fond with gaudy shapes possess,
As thick and numberless
As the gay motes that people the sunbeams,
Or likest hovering dreams
The fickle pensioners of Morpheus’ train.

3. Air

L’Allegro (soprano):

Come, thou goddess fair and free,
In Heav’n yclep’d Euphrosyne;
And by men heart-easing Mirth,
Whom lovely Venus, at a birth,
With two sister-graces more,
To ivy-crowned Bacchus bore.

4. Air

Il Penseroso (soprano):

Come rather, goddess sage and holy;
Hail, divinest Melancholy,
Whose saintly visage is too bright
To hit the sense of human sight;
Thee bright-hair’d Vesta long of yore,
To solitary Saturn bore.

5. Air and Chorus

L’Allegro (tenor):

Haste thee, nymph, and bring with thee
Jest and youthful jollity,
Quips and cranks, and wanton wiles,
Nods, and becks, and wreathed smiles
Such as hang on Hebe’s cheek,
And love to live in dimple sleek,
Sport, that wrinkled care derides,
And laughter, holding both his sides.
Chorus:
Haste thee, nymph, and bring with thee
Jest, and youthful jollity;
Sport, that wrinkled care derides,
And laughter, holding both his sides.

6. Air and Chorus

L’Allegro (tenor):

Come, and trip it as you go,
On the light fantastic toe.
Chorus:
Come, and trip it as you go,
On the light fantastic toe.

7. Accompagnato

Il Penseroso (soprano):

Come, pensive nun, devout and pure,
Sober, steadfast, and demure;
All in a robe of darkest grain,
Flowing with majestic train.

8. Arioso

Il Penseroso (soprano):

Come, but keep thy wonted state,
With even step, and musing gait,
And looks commercing with the skies,
Thy rapt soul sitting in thine eyes.

9. Accompagnato and Chorus

Il Penseroso (soprano):

There held in holy passion still,
Forget thyself to marble, till
With a sad leaden downward cast
Thou fix them on the earth as fast.
And join with thee calm peace, and quiet,
Spare fast, that oft with gods doth diet,
And hears the muses in a ring
Round about Jove’s altar sing.
Chorus:
Join with thee calm peace, and quiet,
Spare fast, that oft with gods doth diet.

10. Recitative

L’Allegro (tenor):

Hence, loathed Melancholy,
In dark Cimmerian desert ever dwell.
But haste thee, Mirth, and bring with thee
The mountain nymph, sweet Liberty.
L’Allegro (soprano):
And if I give thee honour due,
Mirth, admit me of thy crew!

11. Air

L’Allegro (soprano):

Mirth, admit me of thy crew,
To live with her, and live with thee,
In unreproved pleasures free;
To hear the lark begin his flight,
And singing startle the dull night;
Then to come in spite of sorrow,
And at my window bid good morrow.
Mirth, admit me of thy crew!

12. Accompagnato

Il Penseroso (soprano):

First, and chief, on golden wing,
The cherub Contemplation bring;
And the mute Silence hist along,
‘Less Philomel will deign a song,
In her sweetest, saddest plight,
Smoothing the rugged brow of night.

13. Air

Il Penseroso (soprano):

Sweet bird, that shun’st the noise of folly,
Most musical, most melancholy!
Thee, chauntress, oft the woods among,
I woo to hear thy even-song.
Or, missing thee, I walk unseen,
On the dry smooth-shaven green,
To behold the wand’ring moon
Riding near her highest noon.
Sweet bird. . . da capo

14. Recitative

L’Allegro (bass):

If I give thee honour due,
Mirth, admit me of thy crew!

15. Air

L’Allegro (bass):

Mirth, admit me of thy crew!
To listen how the hounds and horn
Cheerly rouse the slumb’ring morn,
From the side of some hoar hill,
Through the high wood echoing shrill.

16. Air

Il Penseroso (soprano):

Oft on a plat of rising ground,
I hear the far-off curfew sound,
Over some wide-water’d shore,
Swinging slow, with sullen roar;
Or if the air will not permit,
Some still removed place will fit,
Where glowing embers through the room
Teach light to counterfeit a gloom.

17. Air

Il Penseroso (soprano or tenor):

Far from all resort of mirth,
Save the cricket on the hearth,
Or the bellman’s drowsy charm,
To bless the doors from nightly harm.

18. Recitative

L’Allegro (tenor):

If I give thee honour due,
Mirth, admit me of thy crew!

19. Air

L’Allegro (tenor or soprano):

Let me wander, not unseen,
By hedge-row elms on hillocks green.
There, the ploughman, near at hand,
Whistles over the furrow’d land,
And the milkmaid singeth blithe,
And the mower whets his scythe,
And every shepherd tells his tale
Under the hawthorn in the dale.

20a. Air

L’Allegro (soprano):

Straight mine eye hath caught new pleasures,
While the landscape round it measures
Russet lawns, and fallows grey,
Where the nibbling flocks do stray.

21. Accompagnato

L’Allegro (soprano or bass):

Mountains, on whose barren breast
The lab’ring clouds do often rest:
Meadows trim with daisies pied,
Shallow brooks, and rivers wide
Tow’rs and battlements it sees,
Bosom’d high in tufted trees.

20a. Air

L’Allegro (soprano):

Straight mine eye hath caught new pleasures,
While the landscape round it measures
Russet lawns, and fallows grey,
Where the nibbling flocks do stray.

22. Air and Chorus

L’Allegro (soprano or tenor):

Or let the merry bells ring round,
And the jocund rebecks sound
To many a youth, and many a maid,
Dancing in the checquer’d shade.
Chorus:
And young and old come forth to play
On a sunshine holiday,
Till the livelong daylight fail.
Thus past the day, to bed they creep,
By whisp’ring winds soon lull’d asleep.

PARTE SECONDA

23. Accompagnato

Il Penseroso (soprano):

Hence, vain deluding joys,
The brood of Folly without father bred;
How little you bestead,
Or fill the fixed mind with all your toys.
Oh, let my lamp, at midnight hour,
Be seen in some high lonely tow’r,
Where I may oft out-watch the Bear
With thrice-great Hermes, or unsphere
The spirit of Plato to unfold
What worIds, or what vast regions hold
Th’immortal mind that hath forsook
Her mansion in this fleshly nook.

24. Air

Il Penseroso (soprano):

Sometimes let gorgeous Tragedy
In sceptred pall come sweeping by,
Presenting Thebes, or Pelops’ line,
Or the tale of Troy divine;
Or what (though rare) of later age
Ennobled hath the buskin’d stage.

25. Air

Il Penseroso (soprano):

But oh, sad virgin, that thy pow’r
Might raise Musaeus from his bow’r,
Or bid the soul of Orpheus sing
Such notes as, warbled to the string,
Drew iron tears down Pluto’s cheeks
And made hell grant what love did seek.

26. Recitative

Il Penseroso (soprano):

Thus night oft see me in thy pale career,
Till unwelcome morn appear.

27. Solo & Chorus

L’Allegro (bass):

Populous cities please me then,
And the busy hum of men.
Chorus:
Populous cities please us then,
And the busy hum of men,
Where throngs of knights and barons bold,
In weeds of peace high triumphs hold;
With store of ladies, whose bright eyes
Rain influence, and judge the prize
Of wit, or arms, while both contend
To win her grace, whom all commend.
Populous cities. . . da capo

28. Air

L’Allegro (soprano or tenor):

There let Hymen oft appear
In saffron robe, with taper clear,
And pomp, and feast, and revelry,
With mask, and antique pageantry;
Such sights as youthful poets dream

On summer eves by haunted stream.

29. Accompagnato

Il Penseroso (soprano):

Me, when the sun begins to fling
His flaring beams, me goddess bring
To arched walks of twilight groves,
And shadows brown that Sylvan loves;
There in close covert by some brook,
Where no profaner eye may look.

30. Air

Il Penseroso (soprano):

Hide me from day’s garish eye,
While the bee with honied thigh,
Which at her flow’ry worth doth sing,
And the waters murmuring,
With such consort as they keep
Entice the dewy-feather’d sleep;
And let some strange mysterious dream
Wave at his wings in airy stream
Of lively portraiture display’d,
Softly on my eyelids laid.
Then as I wake, sweet music breathe,
Above, about, or underneath,
Sent by some spirit to mortals good,
Or th’unseen genius of the wood.

31. Air

L’Allegro (tenor):

I’ll to the well-trod stage anon,
If Jonson’s learned sock be on,
Or sweetest Shakespeare, Fancy’s child,
Warble his native wood-notes wild.

32. Air

L’Allegro (soprano):

And ever against eating cares,
Lap me in soft Lydian airs
Married to immortal verse,
Such as the meeting soul may pierce
In notes, with many a winding bout
Of linked sweetness long drawn out;
With wanton heed, and giddy cunning,
The melting voice through mazes running,
Untwisting all the chains that tie
The hidden soul of harmony.

33. Air

L’Allegro (soprano):

Orpheus’ self may heave his head
From golden slumbers on a bed
Of heap’d Elysian flow’rs, and hear
Such strains as would have won the ear
Of Pluto, to have quite set free
His half-regain’d Eurydice.

34. Air and Chorus

L’Allegro (tenor):

These delights if thou canst give,
Mirth, with thee I mean to live.
Chorus:
These delights if thou canst give,
Mirth, with thee we mean to live.

35. Recitative

Il Penseroso (soprano):

But let my due feet never fail
To walk the studious cloister’s pale,
And love the high-embowed roof,
With antic pillars’ massy proof,
And storied windows richly dight,
Casting a dim religious light.

36. Solo & Chorus

Chorus:

There let the pealing organ blow
To the full voic’d quire below,
In service high and anthems clear!
Il Penseroso (soprano):
And let their sweetness, through mine ear,
Dissolve me into ecstasies,
And bring all Heav’n before mine eyes!

37. Air

Il Penseroso (soprano):

May at last my weary age
Find out the peaceful hermitage,
The hairy gown and mossy cell,
Where I may sit and rightly spell
Of ev’ry star that Heav’n doth show,
And ev’ry herb that sips the dew;
Till old experience do attain
To something like prophetic strain.

38. Solo and Chorus

Il Penseroso (soprano):

These pleasures, Melancholy, give,
And I with thee will choose to live.
Chorus:
These pleasures, Melancholy, give,
And we with thee will choose to live.